Avesa, rombano i motori: Borhy è il nuovo che avanza in panchina. Il ds Trimeloni: “Proveremo la risalita”

Avesa, rombano i motori: Borhy è il nuovo che avanza in panchina. Il ds Trimeloni: “Proveremo la risalita”

by 10 agosto 2017

Parola d’ordine: costruire. Mattone dopo mattone. Con le idee chiare, pazienza artigiana. L’Avesa raccoglie i cocci della retrocessione e getta nuove basi. Sarà Terza Categoria, per ora. Magari per poco, forse, un solo anno: in testa frulla l’obiettivo risalita. Ambizioso ma non fuori luogo. L’estate ha portato consiglio. Il mosaico cambia parecchio: dalla dirigenza alla rosa, per finire allo staff tecnico, le novità sono molte.

Sarà un’Avesa diversa da quella vista negli ultimi anni. Pimpante, battagliera, di nuovo fiera della sua storia ultracentenaria. Giancarlo Borhy è il nome nuovo per la panchina. Ex portiere: dai voi tra i legni alla panca il passo è stato breve. Forse fisiologico per chi, come lui, ha sempre avuto fame di calcio. Subito i piccoli, ora l’occasione dello sbarco tra i grandi. Una bella responsabilità, per un novizio. Ma anche uno stimolo non da poco: sul piatto c’è tutt’altro che un anno di transizione. L’Avesa ha fame di successi. E con un mercato così, parlar di progetti non è peccato.

“Proveremo a risalire – commenta il diesse Mattia Trimeloni – per noi si chiude un periodo nero, ci servirà da lezione. La società ha accolto volti nuovi, in primis Walter Bucci, avesano doc, in qualità di direttore tecnico. In mister Borhy riponiamo grande fiducia: non è certo una seconda scelta. L’inesperienza non conta: ha entusiasmo, fame, voglia di fare. I presupposti che cercavamo. Siamo felici dell’accordo. Il mercato? E’ più che positivo. Abbiamo una rosa all’altezza delle nostre ambizioni. La palla passerà presto al campo. Mi auguro di ritrovarmi tra un anno di nuovo in Seconda.”

Rombano i motori, e non è un’iperbole. Questi gli arrivi del mercato estivo: Alberto Nale, difensore, Marco Bucci, attaccante, Michele Murari, attaccante, Filippo Visioli, centrocampista. Probabile, a quanto si vocifera, l’accordo con l’ormai ex bandiera dell’Ares Calcio Nicolò Salmaso.

“E potrebbe non essere finita qui – chiosa, concludendo, Trimeloni – stiamo cercando di inserire un’altra pedina di peso. C’è ancora margine per lavorarci. Si trovasse il pertugio giusto non ci tireremmo indietro. Altrimenti, bene così. Borhy partirà con una rosa nuova, ma di grande spessore. A lui e al suo secondo Giampy Fontana, fresco di patentino Uefa C, il compito di riportarci dove meritiamo”.