Allievi Regionali, Montorio indispettito. Il presidente Peroni chiede sportività

Allievi Regionali, Montorio indispettito. Il presidente Peroni chiede sportività

by 3 aprile 2017

Non ci sta il presidente del Montorio Calcio Lorenzo Peroni, e come di consueto esprime il suo pensiero con decisione:

“In tempi non sospetti, negli anni scorsi, quando le nostre squadre regionali erano a metà classifica, avevo detto pubblicamente che le retrocessioni secche, senza i play out, sono una cosa ingiusta. Una regola che penalizza eccessivamente le società in crescita. Un girone da 14 squadre con 4 retrocessioni senza i play aut non esiste nel panorama sportivo. Ora che ci ritroviamo a lottare per non retrocedere ribadisco alla Federazione che questa regola va cambiata, perché questo è un sistema sommario e ingiusto”.

Il secondo punto su cui insiste Peroni, invece, è sull’attualità, sull’ultima giornata di campionato degli Allievi regionali: “Il Montorio ieri ha perso 2-1 con il Villafranca, squadra che già ieri aveva 18 punti in più della seconda in graduatoria e che è già ampiamente promossa al campionato d’Elite. Una squadra che ha giustamente onorato l’impegno ed onorato il match e il calcio, ma sopratutto onorato il campionato ed i suoi equilibri. La partita non è stata facile per il Villafranca perché i nostri ragazzi da parecchie domeniche stanno facendo delle ottime prestazioni. Sotto di 1-0 il Villafranca ha ribaltato il match, infliggendoci la sconfitta. Onore a loro ma anche ai nostri ragazzi che hanno dimostrato di essere un gruppo in crescita”.

“Mentre seguivamo la gara – continua il presidente – un nostro stretto collaboratore era a vedere Azzurra Sandrigo-Lonigo, terminata 4-1 in favore degli ospiti, nostri avversari diretti nella lotta per non retrocedere. Ecco, lasciando perdere quello che si sentiva sugli spalti vicentini rispetto a presunte “simpatie”, voglio dire solo che questi gol l’Azzurra li aveva presi solo dalle prime tre in classifica, e a giudizio di chi ha visto il match, non ha certo brillato per determinazione“.

“Non credo ci sia dolo, ma di certo si è trattato di un ‘calo’ di motivazione che penalizzano molto la classifica e mettono tutti nelle condizioni di fare dei brutti pensieri. Ci sta che una squadra non abbia una domenica felice, ma che questo detti la promozione o la retrocessione di altre non ha alcun ragionevole significato. Le regole del calcio moderno, benché la perfezione sia impossibile, hanno adottato già da tempo i play off ed i play aut. Provate a guardare la classifica degli Allievi Regionali girone A e poi ditemi come sarebbe con i play aut: un campionato ancora da decidere con delle bellissime gare ancora da disputare e l’Azzurra Sandrigo avrebbe avuto solo un ‘calo di motivazione’ fine a se stesso e non determinante”.

I verdetti arriveranno domenica: Zevio-Montorio e soprattutto Lonigo-Cerea.

“Non voglio lanciare accuse o altro – conclude Peroni – ma un appello sì: nelle ultime giornate spero che tutte le società onorino fino al 90′ dell’ultimo match questo sport, perché in ballo c’è sì la permanenza in una categoria importante, ma soprattutto i sogni e la fiducia negli altri e dei nostri ragazzi” ha concluso Peroni.